Blog - Risparmio Energia Italia

Vai ai contenuti

MA CHE FINE FANNO I PANNELLI FOTOVOLTAICI?

Risparmio Energia Italia
Pubblicato da in Infoprodotto ·
Tags: riciclopannellifotovoltaicipvcyclesiliciovetroalluminiorameraeedetrazionifiscaliirena
MA CHE FINE FANNO I PANNELLI FOTOVOLTAICI?

L’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici è in costante aumento in Italia, soprattutto grazie alle agevolazioni statali (le quali anche per tutto il 2019 prevedono un rientro del 50% della spesa grazie alle detrazioni fiscali) e ai rimborsi del GSE che rendono il fotovoltaico una fonte sempre più necessaria e soprattutto conveniente.

La durata media di un impianto è di 25-30 anni e successivamente lo smaltimento viene effettuato, per legge, dai produttori e gli importatori dei moduli. Diventa poi necessario, nell’ottica del rispetto ambientale, recuperare e rimettere in ciclo tutti i materiali di cui sono composti. Il modulo fotovoltaico è riciclabile per circa il 90% del suo peso.

Come è fatto un pannello fotovoltaico e cosa si ottiene dal suo riciclo?

Il pannello fotovoltaico è composto da celle fotovoltaiche realizzate con silicio cristallino, policristallino o amorfo, sigillate tra due lastre di materiali plastici, di solito EVA (acetato vinil-etilenico) che le proteggono dall’umidità e dagli agenti atmosferici. Il tutto è ulteriormente inserito tra una lastra di vetro ed una speciale pellicola protettiva composta di materiali polimeri e Tedlar. A volte la pellicola protettiva può essere sostituita da un’altra lastra di vetro.
Il sandwich ottenuto viene quindi scaldato in un forno a circa 100°C, procedimento che permette ai componenti di sigillarsi tra loro, mentre il foglio di EVA passa da traslucido a trasparente e l’aria residua interna viene eliminata.
Si fissa infine il sandwich così trattato in una cornice d’alluminio estruso anodizzato (resistente alla corrosione) e si dispone la cassetta di giunzione sul retro del modulo.
Silicio, vetro, rame e alluminio una volta separati sono facilmente riciclabili e utilizzabili per realizzare altri pannelli o oggetti di diversa natura.

Secondo le stime fornite dall’Irena (Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili), il valore cumulativo dei materiali tecnicamente recuperabili dai pannelli a fine vita potrebbe raggiungere 450 milioni di dollari nel 2030. Nel 2050 il valore potrebbe essere ancora più alto, nell’ordine di 15 miliardi di dollari. Produrre i pannelli ha quindi sicuramente un minimo di impatto ambientale (come tutto oramai) ma il beneficio che se ne trae è sicuramente molto maggiore, sia in termini ambientali che in termini economici.

Come ci si comporta con i pannelli fotovoltaici a fine vita?

I Distributori/Installatori hanno l’obbligo del ritiro e della consegna presso le isole ecologiche convenzionate, per questo lo smaltimento dei nostri pannelli LG è a carico del Consorzio PV CYCLE Italia.
La cosa più importante è che a fine ciclo il pannello può essere riciclato nella sua quasi interezza per produrre poi altri oggetti e di questo noi di Risparmio Energia ne siamo estremamente felici!

Continua a seguirci sui nostri social!

         





Nessun commento

RISPARMIO ENERGIA S.r.l.

PADOVA
Via della Croce Rossa, 42 - 35129  
Telefono: +39 0498072236 - Fax: 0232066897
E mail: info@risparmioenergiaitalia.it
TERMINI E CONDIZIONI LEGALI

ORIARIO DI UFFICIO
Lunedì - Venerdì: 9:30 - 19:00

P.IVA 04803340282 - Numero REA PD - 419647
logo risparmio energia
pagamenti re
Torna ai contenuti